Il giallo europeo nel mirino

n°10

 

>> Letture

Simenon sous le masque*
Anne Richter

Racine, Belgique, 2007, pagine 121

Etienne Borgers
Traduzione: Giuseppina La Ciura

 

Georges Simenon amava ricordare nelle sue interviste , per radio e altro, che, contrariamente a quanto dichiarato da un esegeta alcuni anni prima, non c'era un “mistero Simenon”, Ma allora, come spiegare le decine di libri che commentano la sua opera, i diversi saggi sull'autore e la sua prolifica produzione, e tutto ciò in diverse lingue? Certo, per l'ampiezza del corpus simenoniano non sono troppe le decine di commentatori che vi si sono dedicati, ma, d'altra parte, che ne è dell'uomo Simenon?

E'evidente che Simenon amava raccontarsi in scritti che volevano essere autobiografici, nei suoi famosi “Dettati” e nelle numerose interviste che egli ha accordato lungo tutta la sua carriera di scrittore di successo, ma vi si ritrovava un ritratto valido dell'uomo e dello scrittore? Niente c'è di meno sicuro, e non sono le esagerazioni- spesso prossime all'affabulazione- dei suoi magistrali Mémoires intimes (Memorie Intime, Adelphi editore 2003) scritti alla fine della sua vita (1981) che permettono di correggere le sfumature che segnano il ritratto del personaggio. Certo, seguendo le molteplici biografie che gli sono state dedicate, gli avvenimenti della vita di questo autore sono abbastanza ben stabiliti e corretti, ma che ne è della sua visione del mondo e dell'uomo che si profila nelle sue opere maggiori e dell'origine di questo approccio?

Spesso, Simenon dava delle risposte convenzionali a questo genere di domande, o ancora si applicava ad imbrogliare le carte con delle dichiarazioni contraddittorie che infarciva di tracce provenienti dalla sua opera, evocate per la circostanza, e che non erano probanti, spesso smentite da altri esempi che vi si potevano trovare. Ma che non ci si inganni: c'era un universo di Simenon e gli apparteneva, un universo che aveva delle costanti. E non era solo il grigio delle atmosfere. O l'assenza d'humour. Per circoscrivere il personaggio Simenon, le sue convinzioni intime, i meccanismi personali che gli permettevano di vivere, non bisogna contare troppo sulle dichiarazioni del grande autore. Eccetto alcuni momenti, spesso molto brevi, in cui il ritratto si fa chiaro attraverso gli indizi reali sull'uomo Simenon che appaiono nella sua opera ed in alcune delle sue confidenze. E' a caccia di questi momenti che si è lanciata Anne Richter nel suo saggio Simenon sous le masque.

Come per illustrare il proposito, la foto di copertina del libro è uno dei ritratti più artificiali, più convenzionali di Simenon, fatto dal fotografo parigino delle star e delle personalità , lo studio Harcourt. E' anche ,tuttavia, uno degli aspetti del personaggio, pronto ad assumere il suo ruolo di vedette dell'editoria, lui che non ha mai fuggito la pubblicità, la fama, né le facilitazioni o il lusso procurato dal denaro. Un ruolo sotto il quale si nasconde una volta di più il vero Simenon.

Una gran parte del chiarimento operato da Anne Richter passa attraverso una spiegazione psicologica che sfiora la psicoanalisi, secondo la quale Simenon non voleva andare al fondo dell'esplorazione dell'essere umano per paura di scoprire troppo se stesso, di esplorare gli aspetti intimi della sua personalità. E' certo che Simenon non è mai andato al limite dell'esplorazione scritturale, ma penso che si tratti ugualmente di un imbrigliamento volontario che l'autore si imponeva per non farsi “inghiottire” dalla sua arte, per divenire un perenne insoddisfatto alla ricerca di una scrittura d'eccellenza, del romanzo ultimo. Come accade a tanti letterati di genio. Tanto più che io sono persuaso che Simenon fosse limitato nel suo registro narrativo, malgrado i progressi spettacolari durante la seconda parte della sua carriera( a partire degli Anni 30) ed i capolavori che ci ha lasciato. Ed egli lo sapeva. Ma lontano dall'essere povertà o semplicità riduttrice, egli fece dei suoi mezzi un vero stile, lavorando all'economia nei sui romanzi in cui il suggerito ha un posto anche più importante del descritto, e sempre collocando l'uomo al centro delle sue preoccupazioni. Già nella serie di Maigret, e soprattutto nei suoi romanzi “del destino”, romanzi dalla vocazione più letteraria che egli chiamava con il termine di “duri”.

Nella sua analisi, Anne Richter fa appello d'altronde, tra l'altro, a due dei migliori romanzi di Georges Simenon : La niège était sale (La neve era sporca, Adelphi ed, 1991) e Les Anneaux de Bicêtre (Gli anelli di Bicêtre, inedito in Italia) di cui il primo è forse il suo capolavoro, un romanzo noir ed esistenziale straordinario.

La Richter esamina anche, in modo pertinente, le motivazioni che spinsero personalità letterarie – da Gide (caso molto noto) ad Henry Miller (caso meno noto e a prima vista contro natura, considerata la personalità sulfurea ed edonista di Miller, scrittore geniale, nella via e... nell'opera) ad interessarsi di Simenon. O ancora evoca i suoi rapporti con Carl Jung, che era un suo ammiratore.

In questo breve saggio, Anne Richter affronta anche un gran numero di sfaccettature del personaggio Simenon, tentando di decodificare i dati della sua vita familiare, professionale e di relazione per scoprire il vero, ciò che ci deve far comprendere chi fosse in realtà dietro le apparenze. Simenon sous le masque riesce a mettere in evidenza dei dati che ci permetteranno di schiudere la porta verso la scoperta della vera personalità di questo autore, di orientare le nostre riflessioni,le nostre ricerche, la nostra comprensione dell'uomo e dell'autore. Non è da poco, soprattutto di fronte a questa opera dalle dimensioni inumane. Inumane perché veicola delle qualità che sono di molto superiori alla media letteraria dell'epoca; inumane per la sua ampiezza in numero di volumi: 76 romanzi dedicati a

Maigret, 117 romanzi “del destino”, i suoi numerosi scritti autobiografici, reportages, per non citare che la parte più importante.

E' da segnalare che l'ultimo capitolo, intitolato “Simenon, un imbecille di genio?” è del tutto pertinente e spiega in modo ammirevole il modo di procedere di Anne Richter alla ricerca del vero Simenon. Potrei persino consigliare al futuro lettore di questo saggio di leggere naturalmente dapprima il primo capitolo che serve di introduzione ed, in seguito, di portarsi direttamente all'ultimo, al fine d'avere un profilo del saggio e del percorso che esso segue, e di scoprire una solida sintesi di ciò che è sviluppato più in dettaglio negli altri capitoli. Simenon sous le masque è una pietra in più nel monumento costruito dagli esegeti per circoscrivere Georges Simenon, un edificio sempre più complesso, ad immagine di colui che l'ha ispirato. Pur non essendo affatto certo che l'autore di Liegi vi si trovi interamente e in modo definitivo.

Il “Mistero Simenon” ha ancora molti bei giorni davanti a sé.

 

Nota concernente il saggio e il suo autore :

Con il titolo Simenon sous le masque, Anne Richter pubblica presso la casa editrice Racine una versione riveduta e corretta del saggio che aveva pubblicato nel 1993( e ripubblicato nel 2002) che si intitolava Simenon malgré lui (Simenon suo malgrado) : Nel 1963, la Richter aveva già dedicato un saggio a Simenon (Georges Simenon et l'homme désintégré, Georges Simenon e l'uomo disintegrato), ella ha anche collaborato con numerosi articoli ai Cahiers Simenon, dall'anno di fondazione della rivista nel 1988.

* Simenon sotto la maschera


powered by FreeFind

© 2005 europolar

Home | Editoriale | Redazione | Traduttori | Archivi | Links | Webmaster | Mappa del sito | Webmaster: Emma