Il giallo europeo nel mirino
n°11

 

Dall'agenzia alla redazione

Sophie Colpaert
Traduzione di Giuseppina La Ciura

E se il detective privato avesse lasciato la sua squallida agenzia per la redazione? Dimenticati l'isolamento, le apparenze da curare, l'indispensabile segretaria, e in più se con affinità, che non si hanno i mezzi di pagare ma che resta lo stesso.. Benvenuti nella redazione di un giornale, con i suoi imperativi economici, il redattore che dà ordini, gli articoli che devono far vendere e quel desiderio di sapere, di comprendere, che fa correre tutti i rischi. L'esempio del detective giornalista è presente fin dal 1907 con il celeberrimo Rouletabille di Gaston Leroux. Cento anni più tardi, è giocoforza constatare che i detective-giornalisti si sono moltiplicati, su tutti i continenti. In questi ultimi tempi, per caso nelle mie letture, ne ho incrociati in Colombia, in Islanda e in Svezia.

L'esempio colombiano è nato sotto la penna di Santiago Gamboa, uno dei narratori di cui la letteratura americana ha il segreto. Perdre est une question de méthode (Perdere è una questione di metodo). Tutto un programma! Il romanzo ha dato luogo ad un adattamento cinematografico, abbastanza fedele se debbo credere alle critiche, ma che non ha avuto sfortunatamente il tempo di essere presente nelle sale cinematografiche francofone. Victor Silampa è giornalista a “El Observador”, un quotidiano di Bogotà. Una domenica mattina, il capitano Moya in persona gli annuncia la presenza di un cadavere sui bordi del lago Sisga, annegato ed impalato, un fatto di che sconvolgere le menti! Di fronte alla dilagante espansione di Bogotà, i terreni del lago Sisga rappresentano una piccola fortuna per colui che potrà dimostrarsene proprietario, prove alla mano. Ed è là il punto debole : il supposto proprietario è scomparso e i documenti pure. Victor Silanpa non può impedirsi di approfondire quell'affaire, a costo di perdervi la sua ragazza e vedere il suo appartamento messo sottosopra dai delinquenti. Sono decisamente in molti ad interessarsi a quei terreni: un consigliere municipale, un avvocato, un promotore…e lui ,oscuro giornalista dei fatti di cronaca.

In Islanda, Arni Thorarinsson mette in scena tre stipendiati del Journal du soir dislocati al Nord del Paese per inaugurare una nuova redazione regionale. Un redattore capo, Asbjörn, un giornalista che ha un debole per l'alcool, Einar, e una fotografa, Joa. A Reykjavik, Einar e Asbjörn erano gli amici-nemici della redazione. Ed eccoli condannati a lavorare insieme nel Nord, a riuscire insieme, in un'antenna regionale installata direttamente sotto gli appartamenti di Asbjörn. Con Einar che fuma una sigaretta dopo l'altra e la moglie di Asbjörn che non sopporta il fumo e l'odore del tabacco! Con il nuovo redattore capo di Reykjavik, giovane lupo formatosi al marketing e alla televisione, che intende insegnare ai veterani il loro mestiere di giornalista, non esitando a ricordargli chi è il capo. Mentre un incidente forse provocato e un assassinio sono appena avvenuti, Einar fatica ad andare in giro per le strade di Akureyri domandando alla gente che cosa essa pensi del meteo!

In Svezia, la detective-giornalista è l'eroina di una serie di cinque romanzi che hanno avuto un successo mondiale strepitoso. Annika Bengtzon è stata creata dalla giornalista Liza Marklund, una figura mediatica nel suo Paese. Nel corso dei suoi romanzi, possiamo seguire l'eroina nella sua battaglia per conquistare il suo posto in seno alla redazione de “La Presse du soir”. Donna picchiata, allontanata dal suo posto dopo aver ucciso il suo fidanzato che la minacciava pesantemente, Annika deve fare ogni sforzo per conservare ciò che aveva conquistato a caro prezzo. Più tardi, divenuta redattore capo, sposata e madre di famiglia, ella si sforza di mettere assieme gli obblighi di una vita familiare e le esigenze del mestiere che l'appassiona. Ogni inchiesta comporta un enorme rischio, fisico e psicologico, per l'eroina, e se se la cava sempre, ciò non è mai senza conseguenze. I romanzi di Liza Marklund sono largamente tradotti in Europa.


powered by FreeFind

© 2005 europolar Home | Editoriale| Redazione | Traduttori | Archivi | Links | Webmaster | Mappa del sito | Webmaster: Emma