Europolar is back on line
Home arrow Recensioni arrow Ricardo Bosque: Suicidio a credito
Ricardo Bosque: Suicidio a credito PDF Stampa
domenica 19 luglio 2009

Ricardo Bosque: Suicidio a credito

Zaragozza: Mira Editores, 2009, 123 pagine 13 E


Traduzione di Giuseppina La Ciura


“Suicidio a crédito” è il nuovo romanzo di Ricardo Bosque e il secondo noir che abbia per protagonista Tana Marqués- il primo è stato “Manda flores a mi entierro”-. Non si può non parlare  di Tana Marqués nel recensire  “Suicidio a crédito” perché tra i meriti dell’opera vi sono il coraggio, la disinvoltura e l’inclinazione  di Tana a chiamare le cose con il loro nome in un mondo, il nostro, tanto incline a eufemismi e mezze verità. Fioraia di professione e praticante dell’”eutanasia attiva estrema” per vocazione. Per meglio dire, è Tana Marqués che impugna il coltello o la pistola, secondo il caso, che somministra il veleno o dà la spinta decisiva dal balcone  al suicida cui manca il coraggio e può pagare alcune migliaia di euro. E lo fa senza scrupoli né doppia morale, in tutta naturalezza, come se cucisse un vestito o mettesse  il riso in una paella.

Image In “Suicidio a crédito” Tana incontra grandi difficoltà nello sbrogliare un intrigo nel quale si trova immersa, essendo stata assunta per “suicidare” Martín Santos, attore anziano e in declino.
In compagnia di un paio di personaggi secondari che non sembrano servire molto nel corso dell’azione, ma che portano colore alla trama, Tana si accosta al disincantato mondo della stampa rosa. Personaggi parodistici perfettamente identificabili, famosi di mezza tacca che farebbero qualunque cosa in cambio di pochi minuti di televisione, giornalisti necrofagi che con la stessa velocità si dedicano “a far legna dell’albero caduto” che a elevare il popolare di turno per poi abbatterlo pochi giorni dopo. Un mondo infame, quello dei programmi del cuore e i reality show, che scopriamo accompagnando Tana nella sua indagine. E delle relazioni familiari turbolente, quelle di Martín Santos, che ci offrono una soluzione sorprendente.

Ricardo Bosque crea un personaggio singolare, stravagante, e dotato di uno charme innegabile. Una donna coraggiosa, che non si auto-inganna né pretende ingannare nessuno e integra le sue entrate facendo qualcosa che, a suo parere, non ha niente di riprovevole. Divertente, sfrontata, astuta, così è Tana Marqués e così è Suicidio a crédito.

Ultimo aggiornamento ( marted 19 gennaio 2010 )
 
< Prec.   Pros. >
© 2018 Europolar- powered by jl2i.com
Joomla! est un logiciel libre distribu sous licence GNU/GPL.

Design by syahzul, FlexiSaga.com